venerdì 16 aprile 2010

Occupazione abusiva case popolari: in Italia è sempre più caos

In Italia si sa, c’è un grosso problema: quello legato all’edilizia sociale. Tante richieste e poche case a disposizione creano alle famiglie meno facoltose tantissimi disagi e non solo, a volte si verificano delle vere e proprie truffe attraverso l’occupazione abusiva delle case popolari in affitto.

Blog Immobiliare vuole mettervi al corrente di una storia davvero singolare.

Pensate di andare in vacanza per due settimane e al vostro rientro a casa, la trovate occupata da un'altra famiglia!
Impossibile? No! È proprio quello che è successo a Francesca una signora di 60 anni che viveva nel quartiere Zen di Palermo: al ritorno dalla breve visita fatta alla figlia ha trovato una coppia di vicini che si era trasferita nel suo appartamento e che non ha nessunissima intenzione di interrompere l’occupazione abusiva della casa popolare.
L’anziana signora ha denunciato il fatto alle autorità competenti: polizia, carabinieri e Istituto Case Popolari ma è da 9 mesi che non può rientrare in casa perché chi ha messo in atto l’occupazione abusiva della casa popolare sa benissimo che nessuno mai farà in modo di sfrattarli. Il quartiere zen infatti è un quartiere di Palermo che potremmo definire problematico ed inoltre le forze dell’ordine incontrano difficoltà, da loro definite burocratiche, nel combattere le occupazioni abusive delle case popolari.
Non solo, ma la famiglia occupante è anche recidiva: il padre del ragazzo che ora ha addirittura la residenza nella casa della signora Francesca aveva precedentemente occupato ben due case popolari una sopra l’altra, aprendo poi una scala interna per collegare i due appartamenti in modo da creare una vera e propria reggia: una grandissima cucina, un salotto enorme, un ampio soggiorno, quattro camere da letto e ben tre bagni!

Le Iene si sono occupate di questo caso e grazie a loro qualcosa si sta muovendo, dopo i due servizi mandati in onda, di cui ve ne presentiamo uno qui sotto, il sindaco di Palermo promette di muoversi velocemente per far cessare questa occupazione abusiva della casa popolare e l’Istituto Case popolari offre massima disponibilità alla signora Francesca.
Dal canto suo anche la famiglia occupante offre una soluzione: loro al massimo sono disposti ad ospitare la signora nella “loro” casa ma mai saranno disposti a ridargliela!

La situazione ha veramente dell’assurdo e noi speriamo che oltre alle promesse le istituzioni comincino a fare qualcosa di serio per la signora Francesca.

Il mercato immobiliare troppo spesso sta assistendo inerme a vere e proprie truffe come quella appena raccontata o come quella più volte documentata da Blog immobiliare della frode fiscale degli affitti in nero e ciò di sicuro non aiuta affatto a risollevare il mercato del mattone dalla profonda crisi che sta affrontando ormai da tempo.


3 commenti:

  1. Mi trovo a lavorare come supplente a tempo determinato a 1600 km da casa.
    Oggi dei delinquenti, poichè pregiudicati, hanno sfondato la porta(blindata) del mio alloggio con un accetta davanti le forze dell’ordine e i miei genitori che avevano invano cercato di fermare lo scempio riuscendo soltanto a rallentare i tempi.
    I Vigili mi hanno comunicato per telefono che fino al momento in cui non c’è lesa persona loro non possono intervenire con la forza…quindi i miei genitori potevano fermarli soltanto facendosi ricoverare.
    Alla fine del mio contratto da supplente oltre a restare disoccupata resterò senza un tetto e con buone possibilità senza i miei beni materiali…

    RispondiElimina
  2. Salve, Le cosigliamo di rivolgersi ad un legale per risovere tale situazione.

    RispondiElimina
  3. ma legale che vuole soldoni. così,va tutto ok nel caso visto che il vostro presidente aiuta famiglie bisognose fatti dare 1 legale suo.ne vedo tanti alla corte )del pappone.

    RispondiElimina

Post recenti

Si è verificato un errore nel gadget